La Manutenzione di un vecchio parquet

Come intervenire per il ripristino e la manutenzione quando abbiamo a che fare con un vecchio parquet?

Oggi insieme ci occupiamo di un piano d’intervento adeguato per la manutenzione e la riparazione di pavimentazioni in parquet posate da lungo tempo.

È opportuno precisare, infatti, che quando ci troviamo a intervenire su pavimentazioni posate da molti anni, facilmente avremo a che fare con metodi di posa molto diversi rispetto a quelli attuali. Se si rende necessaria la riparazione di alcuni, pochi o tanti listelli, dovremmo intervenire quindi di conseguenza.

Metodi di posa del parquet negli anni

Per meglio orientarci vediamo rapidamente quali tecniche sono state impiegate nel corso degli anni.

Se torniamo indietro nel tempo, il parquet fra il 1600 e il1800, oggi considerato pavimentazione storica, veniva cementato o inchiodato.

Più di recente intorno agli anni 30’ invece, si è diffusa la posa a catrame che ha preceduto l’avvento degli attuali adesivi e delle più recenti tecniche di posa del legno. Oggi in particolare ci occuperemo di questa tipologia di posa.

La posa a catrame del parquet, spesso oggetto d’interventi di recupero e manutenzione, impiegava il classico “lamparquet” con listoncini piuttosto lunghi per la realizzazione della tradizionale fascia perimetrale a bindello. Mentre il bindello poteva essere in legno di noce o rovere, il parquet nella parte centrale della pavimentazione era di norma solo in rovere e seguiva l’orientamento a spina di pesce.

La posa a catrame fissava i listelli in legno secondo modalità che implicano in caso di interventi di ristrutturazione e ripristino di parti lesionate, modalità d’approccio nettamente differenti da quelle attuali. È interessante osservare come una rielaborazione del tradizionale lamparquet è spesso riproposto attualmente, proprio per coloro che amano le pose classiche tradizionali.

manutenzione vecchio parquet e posa

Modalità di posa del parquet nel corso del tempo

Come intervenire per la manutenzione e il ripristino di un parquet posato a catrame

E dunque come procedere in caso di manutenzione di un vecchio parquet con posa a catrame, specialmente se si rendono necessari interventi di ripristino su listelli danneggiati?

A seconda di quanto il danno sul legno risulti importante si renderà indispensabile procedere alla rimozione delle parti interessate. Dovremo dunque smontare i listelli. La fase iniziale del lavoro prevede l’indispensabile catalogazione di questi ultimi, per risalire, successivamente, alla loro posizione originaria.

Una volta rimossi è necessario procedere a una paziente quanto accurata operazione di pulizia di ciascuna parte che dovrà essere completamente ripulita dal catrame sull’intradosso. Questo delicato intervento è esclusivamente artigianale e richiede una meticolosa sapienza dalla quale dipende la possibilità di poter ripristinare il listello nella posizione originaria. Infatti, se il catrame, sostanza oleosa derivata dal petrolio, non verrà adeguatamente rimosso, non consentirà l’adesione di alcun tipo di collante sul legno.

In presenza di pavimentazioni con questo tipo di posa, normalmente si prende in considerazione la sostituzione dei listelli danneggiati solo se si tratta di piccoli interventi circoscritti a un singolo vano. La maggiore difficoltà, infatti, quando si devono integrare parti in legno non originali è la possibilità di ricreare le medesime tonalità intervenendo con la pigmentazione dei nuovi listelli inseriti.

Ottenere un colore della stessa intensità di un legno quasi centenario è un’impresa più che ardua, nonostante la qualità dei prodotti vernicianti più evoluti. E dunque in spazi circoscritti e su piccoli tratti, la differenza fra i listelli è meno apprezzabile, mentre se i lavori sul parquet riguardano zone più ampie si cerca per quanto complesso e oneroso nei costi, di procedere con la pulizia e il ripristino delle parti originali.

manutenzione vecchio parquet posa catrame

Ripristino di un parquet con posa a catrame

Come riposizionare i listelli ristrutturati di un vecchio parquet a catrame.

Una volta rimossi, adeguatamente ripuliti ed eventualmente ristrutturati secondo le necessità, come procedere per riposizionare i listelli di parquet nella sede originaria? La maggiore criticità da affrontare è l’aderenza del legno su una base di catrame. Per questa ragione si procede con la paraffina, anch’essa derivato del petrolio, utilizzata a caldo.

Il prodotto disponibile in blocchi, si riscalda, non a fiamma diretta, ma irradiata, fino al raggiungimento dello stato liquido. Quindi si versa la paraffina nella sede del listello, sovrapponendovi la mattonella di legno.

La paraffina è l’unico prodotto in grado di garantire la perfetta aderenza del legno su una posa a catrame.

Levigatura di un vecchio parquet a catrame

Una volta terminato il lavoro di ripristino del parquet, si procede con la levigatura della pavimentazione, per riportare il legno al grezzo, quindi procedere con la lucidatura. Si eseguono a questo punto le consuete operazioni di manutenzione del parquet che potrà essere trattato con la linea specifica di vernici per il parquet Solid.

L’impiego delle vernici all’acqua della gamma proteggeranno la superficie in modo efficace, esaltando le naturali caratteristiche del legno con tonalità morbide e calde.

ecovillaggiparquet tendenze e stile