Parquet in cucina: il legno che accompagna i nostri momenti migliori

Il parquet in cucina: una scelta ottimale con le essenze giuste e i prodotti della gamma Solid

Oggi portiamo il parquet in cucina, forse l’ambiente più amato e vissuto della casa, nel quale non dobbiamo affatto rinunciare al calore e allo stile del legno. Da sempre la cucina come il bagno sono ambienti nei quali si approccia al legno con un certo timore. L’utilizzo intenso di queste stanze, l’impiego di acqua, alimenti e sostanze che possono sporcare, macchiare o schizzare ci hanno abituati a ritenere una pavimentazione in legno del tutto inadeguata alle nostre esigenze.

Tuttavia scegliendo essenze particolarmente stabili e resistenti con trattamenti di finitura di alta gamma come quelli offerti dalla linea Solid Renner, possiamo godere del calore del legno in ogni ambiente senza alcun problema.

Partiamo dalle essenze allora e vediamo quali possiamo considerare le più indicate per i pavimenti in cucina, oggi in particolare ve ne segnaliamo due.

Essenze per il parquet in cucina

Parquet in cucina

Il parquet in cucina resistente e bellissimo

  • Il wengè

Il wengè in cucina è un’essenza in grado di garantire ottime prestazioni in termini di durevolezza, stabilità e resistenza, oltre a regalare un’indiscussa qualità estetica. Caratterizzata da straordinaria compattezza, è un’essenza dalla tonalità bruno scuro con venature tendenti al nero e talvolta al giallo, in base alla composizione del terreno in cui è cresciuta la pianta. Il colore sebbene sempre sulle tonalità scure, regala apprezzabili variazioni fra durame e alburno.

Inattaccabile da funghi e parassiti, è particolarmente resistente all’umidità ed esposto all’acqua il legno non subisce un particolare ritiro. Non è soggetto inoltre a mutamenti con la stagionatura, non a caso questa è una delle essenze più indicate per il parquet in ambienti come cucine o bagni, luoghi a intenso calpestio e caratterizzati da condizioni di umidità spesso ritenute critiche.

I prodotti della Linea Solid per il parquet in wengè

Perché il nostro parquet possa durare a lungo nel tempo, dobbiamo affidarci alle cure di prodotti qualitativamente importanti. La linea Solid è la gamma di vernici che Renner Italia ha sviluppato espressamente per il parquet mettendo in campo una tecnologia di alto livello e formulazioni ecocompatibili.

Per il parquet in wengè della nostra cucina, Solid Zero è la vernice all’acqua a riflesso zero che più ci sentiamo di consigliare.

È la vernice non vernice come più spesso è appellata, perché risulta invisibile redendo omaggio alla naturale bellezza del legno del parquet trattato. Nello stesso tempo tuttavia riveste la superficie lignea con film protettivo di altissimo livello che non a caso la distingue come uno dei prodotti più efficienti sulle superfici a intenso traffico.

È una vernice bicomponente all’acqua ad altissima opacità, capace di garantire la massima resistenza all’usura. La formulazione a base di resine poliuretaniche e la minima quantità di solventi contenuti rendono Solid Zero una vernice sicura sia per le persone che quotidianamente entrano in contatto con le superfici trattate, sia per il posatore che utilizza direttamente il prodotto.

Dotata di filtri UV Solid Zero scherma il parquet dai raggi solari contribuendo in modo determinante a mantenere vivo e inalterato il colore naturale dell’essenza scelta.

parquet in cucina prodotti

I prodotti giusti per il parquet in cucina

A proposito del posatore

Di facile applicazione richiede una preparazione del substrato adeguata, a partire dalla stuccatura delle fughe con l’apposito SolidFiller da miscelare, secondo le indicazioni, con la polvere di legno ottenuta con la levigatura della superficie. Procedere alla levigatura del grezzo dopo l’essiccatura della superficie, avendo cura di rimuovere tracce di cera, unto e colla. Ripulire la superficie perfettamente quindi procedere alla verniciatura. Se s’interviene su legno già tinto e come in questo caso su un legno scuro e resinoso, utilizzare il fondo isolante all’acqua SolidBase, catalizzato al 10% con Solid2k per la prima mano, così da favorire l’aggrappaggio del ciclo di lavorazione e la qualità estetica del risultato.

  • Il teak

Il teak è un’essenza proveniente direttamente dal mondo nautico. Il suo impiego sulle barche come legno per pavimentazioni e finiture, lascia intuire le peculiarità di un’essenza che non teme certo acqua e umidità. Più spesso usata per le pavimentazioni esterne più di recente ha trovato impiego anche nelle pavimentazioni interne ed è, per chi desideri il parquet in cucina, indubbiamente consigliabile. Proveniente da diverse zone del mondo, la specie più pregiata di questo legno è quella asiatica. È un’essenza immune dall’attacco d’insetti xilofagi e parassiti, molto resistente a graffi, scheggiature e dunque ai segni dell’usura, anche quando le pavimentazioni sono inserite in contesti ad elevata frequentazione. L’essenza naturalmente ricca di olii, risulta protetta da una patina forte e resistente in grado di renderla completamente idrorepellente.

Destinato a durare a lungo nel tempo il parquet in teak, adeguatamente manutenuto vestirà in modo prezioso e originale la nostra cucina.

I prodotti della Linea Solid per il parquet in teak

Per il parquet in teak della nostra cucina risulta ottimale l’utilizzo dell’olio della Gamma Solid: SolidOil.

parquet in cucina grande utilizzo

Il parquet per una delle stanze più utilizzate

È una vernice bicomponente all’acqua a effetto olio naturale, dotata di bassa opacità e ottima tonalizzazione. Questo tipo di trattamento garantisce la massima cura del parquet e nel caso del teak, contribuisce a rafforzare le naturali caratteristiche di resistenza di questa tipologia di legno. La particolare elasticità del prodotto assicura alle superfici una notevole resistenza al calpestio e all’usura, oltre a proteggere il naturale colore del legno grazie alla presenza dei filtri UV nella sua formulazione.

Anche in questo caso, con SolidOil, Renner tiene conto della salute dell’ambiente, della necessità di garantire la massima sicurezza di chi sceglie per la propria casa le pavimentazioni in legno e dei posatori che quotidianamente lavorano con i prodotti vernicianti.

A proposito dei posatori

Per l’applicazione di SolidOil: mescolare sempre con cura il prodotto per rimuovere eventuali sedimenti fermi sul fondo; applicare con l’aggiunta del 5% di Solid2k introdotto nel prodotto sotto agitazione e miscelando in modo energico per un minuto. Nel periodo estivo per l’applicazione sul legno secco stendere la prima mano diluita al 10% con SolidLongLife o con acqua, quindi attendere 6 ore e carteggiare. Una volta ripulita adeguatamente la superficie, procedere con la seconda mano di prodotto sempre prevedendo l’aggiunta del 5% di Solid2k. La superficie è calpestabile con grande cautela non prima di sedici ore, mentre raggiunge la durezza ottimale dopo una settimana dal termine dell’intervento.

vivere in AlaskaParquet inchiodato