GUIDA ALLA SCELTA DEL PARQUET ECOLOGICO

Nessun altro pavimento offre benefici all’ecologia e alla persona come il parquet, ma occorre comunque fare attenzione a come lo si sceglie

Scegliere il parquet più adatto alle proprie esigenze di arredo e di gusto può sembrare un’impresa quasi impossibile data la varietà di essenze, colori e geometrie. Più facile è identificare le caratteristiche che rendono un parquet ecologico. Per scegliere un parquet ecosostenibile occorre tenere conto dell’origine del legno, dei trattamenti cui è stato sottoposto e dei prodotti utilizzati per la messa in opera.

Ecco quindi qualche consiglio per identificare il parquet ecologico.

 

Parquet ecologico: scegliete legni locali

parquet ecologico

Scegliete un parquet a km 0. Perché un parquet sia ecologico non deve arrivare dall’altra parte del mondo. I legni europei, o meglio ancora italiani, per raggiungere il luogo di destinazione fanno meno strada rispetto a quelli asiatici o americani. Minore è la distanza, minore sarà la produzione di  dovuta al trasporto. I legni europei provengono inoltre da foreste gestite secondo le norme ambientali comunitarie, perciò è più probabile che si tratti di parquet certificati.

 

Parquet ecologico: le certificazioni

parquet ecologico

Perché un parquet possa dirsi ecologico deve essere prodotto a partire da legni FSC e PEFC. Queste due certificazioni garantiscono la provenienza del legno da foreste gestite in maniera sostenibile, con ripiantumazioni periodiche.

I due sistemi di certificazione sono equivalenti, sia PEFC che FSC sono quindi ugualmente in grado di garantire che i prodotti derivano da gestioni forestali sostenibili e permettono di risalire al luogo in cui sono stati tagliati i legni e a quali lavorazioni sono stati sottoposti.

 

Parquet ecologico: le colle

parquet ecologico

La posa incollata è quella più pratica e quindi quella più usata. Per pavimentare 100 mq di parquet occorrono circa 150 kg di colla che potrebbe contenere sostanze tossiche o problematiche per l’ambiente e l’utilizzatore. È quindi importante scegliere una colla ecologica per la posa del parquet. Scegliete una colla senza solventi e a basse emissioni di composti organici volatili, chiediamo dunque sempre all’artigiano o al rivenditore la scheda tecnica del prodotto che sarà utilizzato e leggiamola con attenzione.

 

Parquet ecologico: le finiture

parquet ecologico

Per la finitura del parquet ci sono diverse possibilità. La vernice, che può essere lucida, semilucida o opaca, forma un film protettivo sul parquet che diventa resistente e facile da pulire. La cera lascia traspirare il legno e ne esalta le tonalità. L’olio permette al parquet di respirare e aiuta a conferirgli un aspetto particolarmente caldo e naturale. Anche in questo caso, perché il nostro pavimento in legno sia ecologico, i prodotti usati per la finitura devono essere esenti da sostanze nocive.

Le finiture di Renner Italia

parquet ecologico

I

La linea di vernici per parquet Solid di Renner Italia sono prodotte secondo le più moderne filosofie green.

Le vernici per parquet, gli oli, le cere e i prodotti ausiliari sono formulati nel pieno rispetto dell’uomo e della natura.

La tecnologia verde alla base della gamma Solid di ispira alle linee guida del progetto Rennerlab – Eco Friendly che ha l’ambizione di costruire un contesto salubre che chi sceglie il legno come elemento costitutivo dei propri luoghi.

Gli obiettivi del progetto Rennerlab – Eco Friendly sono:

  • l’abbattimento delle emissioni
  • l’eliminazione delle sostanze nocive
  • l’innalzamento della qualità dell’aria indoor
  • la creazione di luoghi più sani e vivibili
  • la compartecipazione alle politiche di risparmio di materiali e di energia.

Grazie ai formulati all’acqua della gamma Solid dunque, avrete l’ulteriore sicurezza di possedere un parquet ecologico e di aver dato il vostro contributo per la salvaguardia dell’ambiente.

spina di pesceparquet in massello